In COLLABORAZIONI

Le miss movie n°13: Whiteout






Locandina italiana Whiteout - Incubo Bianco

INFO
  • Kate Beckinsale: Carrie Stetko
  • Gabriel Macht: Robert Pryce
  • Tom Skerritt: Dr. John Fury
  • Columbus Short: Delfy
  • Alex O'Loughlin: Russell Haden
  • Shawn Doyle: Sam Murphy
  • Joel S. Keller: Jack

TRAMA

Per l'agente federale Carrie Stetko, la situazione sta diventando sempre più 

pericolosa. 

Unica rappresentante della legge in questo territorio spietato, è stata incaricata 

di indagare su un cadavere rinvenuto nel ghiaccio. 

Il primo omicidio dell'Antartide, che la porterà a scoprire segreti a lungo sepolti 

sotto una coltre senza fine di ghiaccio, segreti per cui qualcuno è ancora pronto 

a uccidere.



IL MIO PENSIERO (attenzione contiene un paio di spoiler):

Questo film l'ho visto grazie ai miei genitori che l'hanno adorato. 
Così presa dalla curiosità ho chiesto a Francy se le andava bene per la 13°puntata e lei ha accettato. 
Questo film è diverso dai nostri soliti visto che è un thriller.

La storia è ambientata in un'Antartide meravigliosa ma allo stesso tempo letale. 
La giovane sceriffo Carrie è scappata in questo luogo oscuro per cercare di sfuggire al suo passato, anche se continuerà a perseguitarla. 

Tre giorni prima dell'arrivo del Whiteout (fenomeno che darà l'inizio all'inverno e che la rinchiuderà per sei mesi nel luogo del bianco eterno) ritrova una persona uccisa in mezzo alla neve. 

Decisa a scoprire il colpevole, che pian piano distruggerà altre vite, scoprirà un mistero che è stato sepolto per molto tempo. 

Riuscirà la giovane donna a scoprire chi è la persona che si nasconde sotto la tuta nera, che va in giro ad uccidere con un piccone. e a partire in tempo prima del lungo inverno ?

Questo film mi è piaciuto principalmente per tre cose:

1) Gli scenari. 
Guardare le riprese dell'Antartide è stato uno spettacolo per i miei occhi: quel silenzio, la calma e quel bianco accecante ti fanno voglia di partire subito, e lasciare la grigia e rumorosa città.

2) La suspance. 
Con questo film non puoi stare tranquillo un solo attimo (io stringevo infatti il mio amato orsacchiottone Teddy sperando che mi potesse aiutare in qualche modo), infatti i colpi di scena sono tutti uno dietro l'angolo e la musica un po' inquietante non aiutava per il terrore)

3) Gli attori. 
Nonostante conoscessi solo uno del cast sono rimasta piacevolmente sorpresa dagli attori (soprattutto per la protagonista)

Insomma Whiteout mi è piaciuto parecchio (forse perché sono totalmente dipendente dai thriller) e poi avendolo comprato per solo 1 euro è molto di più di quanto mi aspettassi. 


IL PENSIERO DI FRANCY:

(http://neversaybook.blogspot.it/)
Antartide. Un'infinita distesa di montagne ricoperte di neve che danno allo spettatore una sensazione di freddo anche soltanto attraverso il piccolo schermo della televisione. 
E' un territorio che la natura non ha creato perché l'uomo ci mettesse piede; col suo nulla dovrebbe rimanere distaccata da tutto ciò che non è silenzio e non è in grado di sopportare un gelo che in pochi minuti può azzerare ogni funzione vitale anche dell'individuo capace di adattarsi a condizioni relativamente estreme.
L'atmosfera inquietante che si respira mi ha ricordato molto La cosa, che ogni appassionato del cinema conoscerà sicuramente, ma non è la stessa cosa: qui lo sceriffo Carrie Stetko è costretta ad una corsa contro il tempo per risolvere il mistero di un assassino compiuto proprio lì, in quella terra in cui non si nota nessuna traccia umana.
C'è poco tempo per scoprire la verità: pochi giorni dopo l'Antartide andrà a dormire per sei lunghi mesi scuri e silenziosi. Ma in quale modo la nostra protagonista ci porterà alla scoperta del vero omicida? Con un puzzle di eventi inaspettati, che riescono a far alternare istanti ricchi di suspance e altri capaci di far sobbalzare chi guarda dalla sedia, facendogli battere il cuore a mille,
Non tutto però è così impeccabile. Un film che si svolge in un ambiente affascinante come l'Antartide dovrebbe essere all'altezza del suo scenario; in effetti ciò che mi ha fatto rimanere incollata allo schermo per tutta la durata della trasposizione della grapich novel di Rucka è stata l'atmosfera ghiacciata e perennemente aggressiva di un territorio tanto incontaminato.
Il finale mi ha sorpreso piacevolmente; mi ha fatto superare alcuni elementi già visti -tra cui un difficile passato che la protagonista cercherà di combattere durante l'avventura tra la neve. 

Insomma, Whiteout non entrerà nel novero dei film migliori che io abbia mai visto ma rifarmi gli occhi con paesaggi sorprendenti ed estranei alla nostra mite Italia non può che avermi fatto bene. 


Lo consiglio a: chi ama le storie thriller

Il mio voto: 


Related Articles

0 commenti:

Posta un commento

Citazione preferita

Sono la polvere del mio presente

Follow by Email

Translate